ASI Ticino | Carlo De Benedetti: ricordi di un imprenditore fra Svizzera e Italia
15493
post-template-default,single,single-post,postid-15493,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Carlo De Benedetti: ricordi di un imprenditore fra Svizzera e Italia

Associazione Carlo Cattaneo Lugano

INVITO

Carlo De Benedetti: ricordi di un imprenditore fra Svizzera e Italia

a colloquio con Ferruccio de Bortoli

che si svolgerà lunedì 10 ottobre 2016, ore 18:30

nell’Aula Magna dell’Università Svizzera Italiana, Via Buffi 13, Lugano

La serata è realizzata in collaborazione con l’Associazione Svizzera Israele

Entrata libera


Carlo De Benedettiha compiuto i suoi studi al Politecnico di Torino, dove si è laureato nel 1958 in Ingegneria Elettrotecnica. Ha iniziato la sua attività imprenditoriale nel 1959 nell’azienda di famiglia, la Compagnia Italiana Tubi Metallici Flessibili, trasformata successivamente nella Gilardini. Nel 1976 fonda CIR (Compagnie Industriali Riunite), una delle più importanti holding private italiane, con circa 14 mila dipendenti, quotata alla Borsa Valori di Milano, che opera in vari settori. Dal 1978 al 1996 è stato alla guida di Olivetti e dal 2006 è presidente del Gruppo Editoriale L’Espresso. Membro del Reuters Institute Advisory Board (Oxford) e di numerosi organismi internazionali, è Presidente della Fondazione Rodolfo De Benedetti (in memoria del padre) per promuovere la ricerca applicata e finalizzata alle scelte di politica economica nel campo del mercato del lavoro e dei sistemi di welfare in Europa. Presidente della Fondazione Together to Go per la riabilitazione di bambini colpiti da disturbi neurologici. È stato insignito del titolo di Cavaliere del Lavoro nel 1983, ha ricevuto la Légion d’Honneur nel 1987, la Meda- glia d’Argento al Merito della Repubblica d’Austria nel 2006 e nel 2015 il titolo di Commandeur de la Légion d’Honneur.

Ferruccio de Bortoli, laureato in giurisprudenza alla Statale di Milano, attivo nel giornalismo dal 1973, è stato direttore del Corriere della Sera e del Sole 24 Ore. Continua a scrivere quale editorialista della testata di Via Solferino e, da quest’anno, anche del Corriere del Ticino. Presiede fra l’altro la Fondazione Memoriale della Shoah di Milano Onlus e la casa editrice Longanesi.

Fondata nel 1992, l’Associazione “Carlo Cattaneo”, sodalizio di diritto elvetico con sede a Lugano, riconosciuta dal Ministero degli Esteri italiano, gode del patrocinio della Città di Lugano e del Consolato Generale d’Italia. Promuove le relazioni culturali fra Svizzera e Italia nell’ambito letterario, artistico, sociale, economico, commerciale e politico, offrendo ai soci e al pubblico conferenze, incontri, dibattiti, pubblicazioni, e contribuendo all’organizzazione di premi, borse di studio e iniziative diverse.